Realmushrooms – Lion’s Mane la “testa di scimmia” che migliora l’attività cerebrale.

Avatar photo Loris Tirelli17 Maggio 2022

L’azienda Realmushrooms sfrutta le proprietà dei funghi per creare diverse linee di prodotti benefici per la salute! Alla base degli ingredienti viene l’estratto biologico del fungo sottoposto a diversi test scientifici.

Disponibili in capsule, blend e polveri, questi preparati costituiscono dei “food supplement” dai principi attivi verificati. Realmushrooms Lion’s Mane sfrutta le proprietà del fungo chiamato “testa di scimmia”, (Hericium erinaceus)

L’azienda vanta il fatto di utilizzare veri estratti di fungo e non semplicemente i miceli. Con più di quarant’anni di esperienza nella coltivazione dei funghi,  di Jeff Chilton, fondatore di Nammex, Realmushrooms ha acquisito le conoscenze per estrarre tutte le proprietà benefiche e per la certificazione di una coltivazione sostenibile e rispettosa dell’ ambiente.

Il fungo “testa di scimmia”, è anche chiamato “Criniera di leone”,

di colore bianco, ha dei lunghi filamenti gommosi che assomigliano ad una barba (per questo viene anche chiamato “white beard”) ha ottime proprietà nutrizionali ma ha anche delle proprietà mediche.

Utilizzato da millenni nella medicina tradizionale orientale, oggi gli studi in Occidente ne hanno confermato l’efficacia nella prevenzione e nella cura di diverse malattie. Molto raro, si trova in tarda estate sui tronchi degli alberi di noce, di quercia e di faggio. Cresce in particolare in Asia, Canada e Nord America.

Grazie al principio attivo denominato erinacina H, ha la capacità di potenziare il sistema nervoso e di proteggere l’apparato gastrointestinale. Uno studio giapponese del 2016 su individui di età compresa tra 50 e 80 anni ha dimostrato dei buoni miglioramenti delle funzioni cognitive.

Uno studio del 2019 del team italiano della dottoressa Daniela Ratto e Federica Corana ha dimostrato che l’assunzione del fungo Criniera di Leone ha degli effetti positivi nel miglioramento della memoria dei topi e nella neurogenesi a livello di ippocampo.

Avatar photo

Loris Tirelli