Bolton Group qualifica il tonno Rio Mare nella linea “Mari del Mondo”

Avatar photo Loris Tirelli24 Gennaio 2023

Bolton Food Spa ha deciso di rendere l’immagine aziendale ancora più ecosostenibile. Per questo motivo ha avviato la distribuzione dei propri prodotti con due certificazioni che ne evidenziano la sostenibilità ambientale: il certificato equo solidale “fair trade certified” e quello Msc, pesca sostenibile e certificata. La linea “Mari del Mondo” si pone l’obiettivo di far conoscere le zone di pesca dei prodotti Rio Mare.

Ad esempio, il tonno Rio Mare delle Isole Solomon, arcipelago dell’ Oceano Pacifico meridionale situato a est della Papua Nuova Guinea, sul package reca la scritta “pescato in modo sostenibile al largo delle Isole Solomon, grazie all’esperienza delle popolazioni locali”.

Il Pacifico del Sud è un luogo in cui si possono pescare grandi banchi di tonni pinnagialla e di tonnetti striati. I pescatori locali utilizzano delle imbarcazioni tradizionali e non si occupano soltanto della pesca del tonno ma anche di pesci locali come il wahoo, il barracuda, il pesce vela e il marlin.

Il tonno pinne gialle (Thunnus albacares), nello specifico, è una specie molto diffusa nei mari tropicali e subtropicali. Grazie all’elevata capacità natatoria, riesce a percorrere grandi distanze spostandosi in branchi.

Il tonno pinnagialla, va rammentato, è uno dei pesci più ricercati in tutto il pianeta e permette lo sviluppo di un settore del valore di diversi miliardi di dollari. In genere questi pesci sono lunghi più di 2 m e possono pesare più di 200 kg. Le sue carni in genere vengono lavorate e inscatolate oppure diventano filetti per il sushi. quando viene consumato crudo, appare di un colore rosso vivo, con una consistenza morbida e un sapore burroso.

Bolton Food ha deciso di collaborare con il Wwf, avviando anche un progetto di sensibilizzazione nelle scuole italiane. In particolare, viene messo in risalto il metodo di pesca tradizionale, cioè la pesca a canna.

Si tratta di una tecnica che prevede la cattura dei tonni a poca distanza dalle coste. Dalle imbarcazioni vengono gettate in mare delle esche in modo da attrarre i pesci, creando dei vortici artificiali con dei manicotti a pressione. In questo modo i tonni vengono pescati, issati a bordo e avviati a una rapida conservazione sotto ghiaccio e in seguito congelati.

Va ricordato che Bolton ha immesso sul mercato tonno pescato con lenze a canna, già nel 2012.

Avatar photo

Loris Tirelli

Socio della società di ricerca Amagi, ha conseguito una laurea in Scienze Politiche alla Cattolica di Milano e una laurea magistrale in Marketing, Consumi e Distribuzione Commerciale presso lo Iulm di Milano.