È di tacchino e tracciabile la mortadella halal Isla Délice

Daniele Tirelli8 Febbraio 2022

La “Mortadélice aux olives” è la mortadella ḥalāl (composta da carne di tacchino ḥalāl separata meccanicamente (origine Ue) 48%, pelle di tacchino ḥalāl (origine Ue), olive verdi 5,9%) disposta su un vassoio di plastica riciclata di Isla Délice, marchio della società Amalric di Argenteuil, che oggi è leader del mercato ḥalāl francese e offre un’ampia gamma di prodotti (salumi, pancetta, prosciutto, salsicce), tra i quali quelli per il catering e i surgelati. La linea si amplia di anno in anno per soddisfare i consumatori di religione musulmana, ma non solo. Con una quota di mercato superiore al 50% e un fatturato di 100 milioni di euro in crescita del 10% annuo, è presente in tutta la Francia e in Belgio, Paesi Bassi e Spagna.

Il marchio copre una decina di nuovi prodotti ogni anno. Nel 2005 ha lanciato la prima gamma di carni surgelate. Nel 2018 la proprietà è passata al fondo di investimento Perwin. La promessa è la certificazione della tracciabilità ḥalāl e la qualità del prodotto affidate al controllo dell’Associazione Rituale della Grande Moschea di Lione. I ritual controllers sono musulmani praticanti indipendenti che supervisionano la produzione, dalla macellazione al processo di confezionamento del prodotto e il materiale di certificazione ḥalāl (sigilli, etichette, pellicole). L’associazione ha sviluppato un protocollo specifico per controllare gli effetti dell’elettronarcosi e che il pollame sia vivo prima della macellazione rituale, esclusivamente manuale secondo i principi islamici. Nel corso del 2022, grazie alla collaborazione con Connecting Food, verrà applicato il qr code che permette di determinare la tracciabilità ḥalāl.

Leggi anche: Challerhocker una eccellenza svizzera poco conosciuta

Video:L’inflazione nel 2022: quel che dicono i top manager

Daniele Tirelli